fbpx

Lifting liquido del viso

L’invecchiamento del viso è caratterizzato da diversi fenomeni che avvengono più o meno nello stesso tempo: variazioni atrofiche della pelle e formazione di rughe causate da fattori genetici, attinici e ambientali; volume osseo e perdita di grasso facciale; e pelle cadente.

Questi problemi possono essere affrontati sia chirurgicamente che non chirurgicamente.

Gli strumenti non chirurgici più comuni per la correzione del volume sono i riempitivi, il principali “attore” è il gel di acido ialuronico; tuttavia, altri riempitivi sono sul mercato.

Il concetto di riempimento, miscelato con altre tecniche non chirurgiche e basato su logiche chirurgiche mi consente di ottenere risultati ottimali con tempi di inattività minimi,senza dolore e senza lasciare “segni”.

Oggi non uso più i filler per trattare le rughe ma soprattutto per ripristinare i volumi e, di fatto, il livello della loro iniezione è rappresentato dagli strati profondi e non dalla pelle; la strategia di iniezione si basa su concetti chirurgici e la manutenzione dei risultati è la regola.

Negli ultimi anni ho adottato una tecnica per l’uso dei riempitivi basata sull’anatomia chirurgica che consente una buona efficacia, un uso limitato dei materiali e una longevità ottimale. I filler vengono iniettati in due strati separati di tessuti sottocutanei perché il viso è composto da diversi strati e quindi possiamo considerarlo simile a una cipolla.

Lifting liquido del viso 1


Con l’invecchiamento, lo strato osseo subisce un riassorbimento dello scheletro, principalmente nelle aree orbitali, periorbitali, zigomatiche, submalari e mandibolari.

Nello strato profondo la maggior parte della perdita di volume avviene nel grasso laterale oculare, nel compartimento mediale della guancia e nei compartimenti del grasso del mento. Nello strato sottocutaneo superficiale, la maggior parte della perdita di volume avviene nei compartimenti laterali, sia nei distretti temporali e preauricolari che, nel compartimento medio e mediale del grasso del cuscinetto adiposo superficiale delle guance.

Il compartimento nasolabiale superficiale e i compartimenti inferiore delle guance non sono molto influenzati dalla perdita di volume e tendono a spostarsi medialmente a causa della mancanza di supporto laterale causato dall’impoverimento del volume nelle aree adipose laterali e mancanza di punti di fissazione fibrosi.

Lifting liquido del viso 2

Tutte le aree di riassorbimento del grasso sono confinate tra i legamenti in modo che sulla superficie della pelle i diversi solchi diventano identificabili: il solco lacrimale, il solco palpebro-zigomatico, il solco del mid-cheek, la piega naso-labiale, la linea della marionetta.

Le aree di iniezione sono selezionate con precisione in base all’anatomia e la strategia si basa innanzitutto su iniezioni profonde in fase iniziale e in seguito su iniezioni superficiali nel grasso sottocutaneo con una tecnica a doppio strato. L’intero trattamento di solito richiede da due a tre sessioni nell’arco di un mese.

Il trattamento prevede l’utilizzo di due differenti tipi di gel con consistenza e coesività diverse. I gel per così dire più densi vengono iniettati in profondità, la loro consistenza e resistenza alla compressione serve per creare dei piccoli pilastri in grado di liftare in senso anteriore – dando proiezione – i tessuti, ottenendo una sorta di effetto tenda.

Le infiltrazioni si eseguono partendo dal comparto temporale fino a scendere in basso, comparto per comparto, raggiungendo la linea mandibolare. I piccoli “cuscinetti” di prodotto iniettati in sedi precise non provocano dolore e molto raramente provocano lividi. Una volta effettuato il lifting dei vari comparti si procede a trattare gli strati superficiali con un gel morbido in modo da ridefinire i contorni del viso e recuperare la simmetria dell’ovale del volto.

Il risultato è assolutamente naturale e dona un aspetto ringiovanito. Tutti i volumi del volto vengono recuperati senza un “aumento” volumetrico!
La maggior parte del volume è ottenuta iniettando nel piano profondo, in particolare sullo strato osseo dove il trauma e la deposizione del gel sono in grado di attivare le cellule staminali periostali con una nuova formazione di tessuto e un effetto quasi permanente.

Raggiungere lo strato osseo è rapido e semplice dopo un accurato studio anatomico del paziente e una marcatura preoperatoria; le iniezioni sono indirizzate solo allo strato osseo evitando tutti i comparti in cui si trovano i vasi, consentendo iniezioni senza sanguinamento.

Iniettare gli strati profondi sopra il periostio comporta il vantaggio di avere la maggior parte della correzione sotto i muscoli, evitando l’effetto grottesco di un volume eccessivo e soprattutto si ottiene una correzione stabile che non si muove seguendo i movimenti muscolari della mimica facciale, cosa che invece succede se il prodotto risulta troppo superficiale, come veniva infiltrato con le vecchie tecniche, ma che molti ancora usano.

Il trattamento a doppio strato è assolutamente innovativo, si basa sull’anatomia dei cuscinetti adiposi profondi e superficiali; quindi, ogni singolo compartimento dovrebbe essere iniettato separatamente poiché non vi è diffusione del riempitivo da un compartimento all’altro a causa dei setti fibrosi che separano i cuscinetti adiposi.
La pianificazione di una volumizzazione integrale con riempitivi richiede una doppia visione: essere in grado di vedere tridimensionalmente le aree di perdita di volume e mostrarle al paziente, e poter vedere il risultato finale prima di iniziare.

Un rimodellamento tridimensionale attraverso l’aumento dei tessuti molli conferisce al volto un aspetto più pieno e giovane: un moderato miglioramento del volume elimina le pieghe, migliora le rughe e soddisfa le aspettative del paziente. Ogni area di iniezione dovrebbe essere trattata con moderazione per dare al viso un buon impatto e non farlo sembrare “ri-fatto”.

La tecnica a doppio piano è un trattamento a più fasi: in primo luogo, i volumi profondi vengono ripristinati, quindi i volumi superficiali e infine le rughe sono trattate, se ne rimane una e la qualità della pelle viene migliorata successivamente con peeling e/o laser resurfacing. L’effetto adiuvante di altre procedure cosmetiche non invasive è l’ultima strategia per ottenere risultati sempre raffinati e non evidenti.

La prima correzione è ulteriormente migliorata da successivi trattamenti di ritocco: il paziente trattato richiede meno prodotti per mantenere i risultati estetici nel tempo.
Questa modalità di iniezione produce effetti collaterali minimi.

Il rilascio multiplo di piccoli boli sopra l’osso aiuta anche a evitare gli edemi. Una volta raggiunta la volumizzazione desiderata, il mantenimento dei risultati può essere fatto con una sessione all’anno e questo aiuta i pazienti a sostenere il costo iniziale del trattamento.

È anche evidente che il trattamento misto non invasivo ha meno rischi di un intervento chirurgico e riduce al minimo i tempi di recupero. Una sequenza continua di trattamenti di manutenzione richiede una nuova modalità di pensiero sia per i pazienti che per i medici. Questa è una nuova filosofia di ringiovanimento medico del volto che segue ed usa concetti chirurgici.