fbpx

Lipofilling

Il lipofilling è una tecnica ambulatoriale che permette, tramite il prelievo di tessuto adiposo da alcuni distretti corporei (spesso dove è in eccesso), di riempirne altri che per svariati motivi si sono svuotati e hanno perso il loro volume originario. Gli esempi più classici del lipofilling sono il prelevamento di grasso dalle cosce o dall’addome e fianchi per reiniettarlo nel viso, nel seno, nei glutei e nelle mani. Questa procedura trova anche indicazioni nel sollevamento e riallineamento di cicatrici siano esse di natura traumatica o chirurgica. La tecnica del lipofilling è assai sicura poiché, utilizzando lo stesso grasso del paziente, non si possono avere reazioni allergiche o di incompatibilità possibili invece quando si usano materiali di sintesi provenienti dall’industria.

lipofilling seno
esecuzione di lipofilling del seno

Il tessuto adiposo iniettato attecchisce in breve tempo e in base all’importanza del riempimento desiderato saranno necessarie da una a due sedute. L’intervento, eseguito rigorosamente in anestesia locale, prevede due fasi. Nella prima fase si preleva il grasso da un sito donatore che viene spesso trattato preventivamente con una soluzione lipogenetica.

Ciò permette alle cellule adipose di aumentare considerevolmente di volume nel giro di poche ore, diventando così più efficaci nel loro compito di riempimento.

lipofilling
Grasso pronto per l’utilizzo

A questo punto la zona viene infiltrata con una soluzione anestetica tumescente (Wet) per poi procedere tramite l’utilizzo di piccole cannule al prelievo della quantità di grasso necessaria al successivo riempimento (da 20-30 ml. fino a 500-600 ml.). Il grasso viene quindi sottoposto ad un processo di decantazione, lavaggio e micronizzazione al fine di assumere quelle caratteristiche che ci permetteranno di reiniettarlo nei siti riceventi tramite cannule ancora più sottili. Evitando la centrifugazione del grasso le cellule adipose rimangono molto vitali permettendo un migliore attecchimento nel sito ricevente. Infatti non viene impiantato tessuto adiposo bensì cellule adipose e cellule staminali contenute nel grasso stesso.

Inizia così la seconda fase. Tramite piccole anestesie locali il grasso così preparato viene iniettato sotto cute ridando volume e compattezza alle zone che si erano svuotate, mantenendo la sofficità dei tessuti con un risultato estetico assai naturale e molto soddisfacente. Così come si sarà potuto intuire questa tecnica di lipofilling è assai poco invasiva e raramente necessita di punti di sutura. Il dolore è di solito assente o molto ridotto.

Il gonfiore, di regola moderato dal giorno dell’intervento, scompare nel giro di pochi giorni assieme ad eventuali ecchimosi (lividi) o piccoli ematomi soprattutto nella zona del prelievo. Le zone ove sono stati eseguiti i prelievi più cospicui vanno contenute con sistemi compressivi (guaine sull’addome e calze elastiche sulle gambe) per circa trenta giorni. Questo perché i tessuti si devono ricompattare dopo che è stato prelevato il grasso. La tecnica del lipofilling offre un duplice vantaggio:

  • il riempimento delle zone desiderate
  • e il rimodellamento delle sedi del prelievo ridefinendo l’intera silhouette (vedi microliposuzione o liposcultura).

Visto l’alto contenuto in cellule staminali del grasso non solo possiamo ottenere un riempimento stabile e progressivamente definitivo, ma la pelle migliorerà d’aspetto giorno dopo giorno. Le cellule staminali sono cellule molto potenti in grado di rigenerare i tessuti invecchiati donando turgore, elasticità, lucentezza e tonicità. Nel lipofilling del viso o di piccole zone cicatriziali è sufficiente per qualche giorno una disinfezione dei piccoli fori lasciati dalle cannule e il mantenimento di uno stile di vita tranquillo e privo di eccessivi sforzi fisici.

Nel lipofilling del seno (v. anche le foto al fondo della pagina) o dei glutei per almeno tre giorni è indicato l’uso di un reggiseno elastico contenitivo o guaine contenitive e di cerotti sulle micro incisioni.

Per i primi 4-5 giorni è consigliabile stare a riposo e ridurre al minimo gli sforzi muscolari delle braccia ed è sconsigliabile riprendere l’attività sportiva, ma si possono svolgere le comuni attività quotidiane. Già dal quinto-sesto giorno in poi è invece utile riprendere a fare movimenti più intensi: infatti l’attività fisica (ovviamente senza grandi sforzi), aiuta il processo di vascolarizzazione dei tessuti facilitando l’attecchimento del grasso inserito nel seno.
lipofilling 1
lipofilling 2
lipofilling 3
Leggi anche: sollevamento del seno con fili