fbpx

Medicina Estetica Uomo

 

Medicina estetica uomo, una realtà in crescita: circa il 22% degli uomini in una fascia d’età che va dai 25 ai 40 anni, si concede un trattamento estetico e la maggior parte dei pazienti ha come principale obiettivo quello di ridarsi un tono e fare una ritoccatina.

A preoccupare di più il sesso forte non sarebbero tanto le rughe, quanto l’addome e i cedimenti dei tessuti. Insomma, l’insorgere della cosiddetta pancetta. Difetti che vengono considerati delle vere e proprie minacce per la virilità, tanto da convincere i maschietti a sedersi sul lettino del medico estetico. A parte il noto e gettonato botulino, che non passa mai di moda, uno dei trattamenti ancora poco conosciuti ma abbastanza praticati (7,2%), è rappresentato dai filler: si tratta di sostanze che vengono iniettate nella pelle per correggere gli inestetismi del viso, in particolare per rallentare i segni dell’invecchiamento, eliminando rughe e solchi della pelle, oltre che per correggere i volumi del viso , aumentare il volume di zigomi, mento e labbra.

Va forte anche l’anti-aging, soprattutto tra i pazienti over 50 (15% dei trattamenti) e over 35 (22%) che considerano l’estetica come un patrimonio da conservare. Successo nel settore anche grazie ai trattamenti rivitalizzanti e alla carbossiterapia (entrambi oltre il 12%). Quest’ultima tecnica, la carbossiterapia, si riferisce all’uso di anidride carbonica medicale (CO2) somministrata attraverso microiniezioni per via sottocutanea e intradermica essa ha effetto sul microcircolo, sul tessuto adiposo e sulla pelle.

Dal medico estetico si va per sottoporsi a trattamenti cutanei (7,28%) e per il botulino (quasi 5%). Quanto alla motivazione non è solo la voglia di ritrovare un look evergreen a portare i pazienti sul lettino: sono sempre più le richieste di consulenze per problemi legati alla nutrizione, al sovrappeso e all’obesità (quasi 5%), al dolore (quasi 5%) e alla postura (1,4%).

Resta invece stabile la percentuale dei giovanissimi: l’11% dei trattamenti (dalla cura dell’acne alla cellulite) di medicina estetica è rivolto agli under 16, insieme a un 21% di interventi che si concentrano nella fascia d’età 17-25 anni. Tutti pazzi per il ritocchino verrebbe da dire. Anche se poi dietro la definizione di medicina estetica c’è in realtà un universo di trattamenti: non siamo solo i medici delle punturine, ma ci occupiamo a tutto tondo del benessere della persona. Anche perché, quasi sempre, dietro gli inestetismi si nascondono vere e proprie patologie.